FIRE: chi siamo, cosa facciamo, perché associarsi

di Dario Di Santo

FIRE è attiva (e tenuta in considerazione) su vari fronti al fine di conseguire un miglioramento del quadro legislativo e normativo, facilitare l’accesso ai meccanismi di supporto, introdurre strumenti utili per gli operatori e promuovere il mercato.

Questa è solo una delle tante attività portate avanti dalla Federazione che, da oltre trent’anni, opera per favorire lo sviluppo di efficienza energetica e fonti rinnovabili nelle realtà aziendali e pubbliche.

L’ing. Di Santo ha presentato la FIRE  in un webinar dedicato.

 

Vai alla presentazione

Vai alla registrazione del webinar

ISO 50001: perchè scegliere di adottare un Sistema di Gestione dell’Energia (SGE)

di Valentina Bini

Un sistema di gestione dell’energia (SGE) rappresenta un’importante opportunità per chi intende affrontare con successo gli aspetti energetici all’interno della propria realtà aziendale.

Decidere di applicare la ISO 50001 – ossia la norma che focalizza l’attenzione sulle prestazioni dell’organizzazione e sui rendimenti energetici specifici – significa dare l’opportunità alla propria attività di guadagnare in termini di immagine, competitività e rapporti con gli stakeholders quali clienti, società di assicurazione, enti creditizi, pubbliche istituzioni.

L’articolo, pubblicato su Ingenio, spiega cosa è un SGE ed anticipa alcuni aspetti dell’indagine FIRE-CTI i cui risultati saranno resi pubblici a breve.

Leggi tutto

M&V e Misura nei certificati bianchi

di Livio De Chicchis

Durante il webinar  Misure e problematiche metodologiche in ambito energetico, organizzato da AICARR e FIRE lo scorso 25 maggio, l’ing. De Chicchis ha evidenziato, nel suo intervento, i motivi per cui la valutazione dei risparmi è essenziale per mettere a punto un intervento ottimale di efficienza energetica. Quello della valutazione è un passaggio esplicitamente richiesto per le diagnosi energetiche, è fondamentale nei sistemi di gestione dell’energia e per richieste a consuntivo di certificati bianchi.

Vai alla presentazione M&V e Misura nei certificati bianchi

Decarbonizzazione: istruzioni per l’uso

di Dario Di Santo

La necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica e i cosiddetti gas serra, responsabili del riscaldamento globale con tutte le sue nefaste conseguenze, porta la parola decarbonizzazione ad essere al centro delle attuali politiche ambientali ed energetiche.

Dobbiamo però evidenziare che non è possibile raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione con il solo ricorso alle fonti rinnovabili. I motivi sono tanti e li spiega l’ing. Di Santo nell’articolo pubblicato su Il Roma.

Leggi tutto

M&V: i 25 anni del protocollo internazionale di misura e verifica delle prestazioni (IPMVP)

di Daniele Forni

Nel 1994 su iniziativa e con le risorse del Department of Energy degli Stati Uniti erano stati coinvolti esperti del mondo dell’industria e della finanza provenienti anche da Canada e Messico, con l’intento di individuare metodologie affidabili e condivise per misurare il “risparmio energetico” e facilitare così gli investimenti in efficienza energetica, anche attraverso contratti a garanzia di prestazione. Nacque così il North American Energy Measurement and Verification Protocol, pubblicato nel 1996, che raccoglieva, organizzava e consolidava le buone pratiche in materia, fornendo indicazioni per poter applicare la M&V, virtualmente a qualsiasi caso, nei limiti del budget a disposizione.

Quest’anno il Protocollo compie 25, ce ne parla in quest’articolo Daniele Forni che segue in FIRE il tema della Misura e Verifica e la relativa formazione.

Leggi tutto

La figura dell’energy manager secondo la legge 10/1991

Livio De Chicchis, FIRE

Secondo la legge 10/1991 le imprese a forte consumo di energia hanno l’obbligo di nominare annualmente l’energy manager ossia colui che indirizza e supporta l’azienda e gli enti nella corretta gestione dei consumi energetici e nell’individuazione degli interventi da realizzare.

Basandosi sui dati che FIRE elabora annualmente, l’articolo, pubblicato su INGENIO,  illustra chi è l’energy manager, come è inquadrato in azienda e perché nominarlo può fare la differenza in termini di benefici energetici e di immagine per l’impresa.

Leggi tutto

Data-Driven Energy Management nella refrigerazione industriale

di Paolo Baldracchi, EGE SECEM

La figura dell’EGE e le attività relative all’energy management stanno rapidamente evolvendo. Nella mia vita professionale ho imparato il mestiere secondo il metodo “classico”: diagnosi energetiche con sopralluoghi, raccolta manuale dei “dati” disponibili, creazione del modello dei consumi, schema ENEA, e definizione dei possibili interventi con relativa analisi tecnico economica. Questo approccio, soprattutto all’inizio (diagnosi 2015) mi ha sempre poco convinto per l’incertezza, a mio modo di vedere, troppo elevata relativa alla scomposizione dei consumi sulle varie utenze presenti in azienda.

Inizia così l’articolo di Paolo Baldracchi, che ha raccontato nella newsletter FIRE come l’applicazione del Data-driven Energy Management (DEM) ad un impianto industriale di produzione del freddo a servizio di magazzini per la frigoconservazione di alimenti, ha portato ad ottimi risultati.

Leggi tutto