Misurare il risparmio energetico

di Daniele Forni

In questo periodo riscontriamo un forte interesse verso la M&V dovuto alle novità annunciate del credito d’imposta Transizione5.0 (art. 38 del D.L. 2/3/2024 n. 19): da una parte si dovranno rispettare le soglie minime di risparmio da valutare con gli opportuni aggiustamenti e prendendo come baseline l’esercizio precedente o, per le imprese di nuova costituzione, uno scenario controfattuale. Dall’altra parte la misura prevede tra gli investimenti agevolabili anche i sistemi di monitoraggio dell’energia o sistemi che introducono meccanismi di efficienza energetica. Pertanto, abbiamo dedicato l’articolo di apertura della newsletter FIRE proprio alla M&V. L’autore è Daniele Forni, esperto della materia a 360° e docente dei corsi IPMVP

Leggi tutto

Avviare progetti di efficienza energetica è difficile? L’aiuto viene da ELENA

Louise White, Coordinatrice del programma ELENA – Banca europea per gli investimenti

Stefano Capuzzi, Ingenere – Divisione Energy Efficiency & Energy Advisory – Banca europea per gli investimenti

ELENA (acronimo di European Local ENergy Assistance) è un programma congiunto tra BEI (Banca europea per gli investimenti) e Commissione Europea, che dal 2009 svolge un ruolo chiave nell’accelerare il ritmo e la portata degli investimenti sostenibili in tutta l’Unione Europea.

Ad oggi, grazie al Programma sono stati finanziati 166 progetti in tutta l’UE, con contributi totali di 295 milioni di euro, ed è stata supportata la preparazione di progetti dal valore complessivo di oltre 9,5 miliardi di investimenti. L’articolo riporta due casi applicativi di ELENA.

Leggi tutto

L’evoluzione del ruolo dell’Energy Manager in Italia

di Cesare Negro

L’Energy Efficiency First è un principio fondante della politica energetica dell’UE. Significa che l’efficienza energetica deve essere presa in considerazione dai Paesi dell’UE in tutte le decisioni politiche e di investimento prese nei settori energetici e non energetici.

Dal 1991 c’è una figura in Italia, voluta per legge, che è una opportunità per l’efficienza energetica: l‘energy manager. Ha il compito di gestire ciò che riguarda l’energia all’interno di un’azienda, un ente pubblico, o più in generale una struttura, verificando i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi mirati all’efficienza energetica e all’uso di fonti rinnovabili.  FIRE ne gestisce le nomine, su incarico del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ed annualmente stila un rapporto evidenziando le evoluzioni della figura sotto diversi punti di vista. L’ultima indagine della Federazione, presentata nei giorni scorsi, ha permesso di scattare una fotografia del profilo, delle attività, delle percezioni e delle aspettative degli energy manager per comprendere il livello di maturità di questa figura e individuarne esigenze ed opportunità di evoluzione. Si tratta di una fotografia che FIRE realizza usualmente ogni cinque anni per cogliere i cambiamenti del ruolo dell’energy manager, anticipata quest’anno per meglio verificare l’impatto successivo della pandemia e della crisi dei prezzi energetici, per cui la confronteremo con quella 2020.

Leggi tutto

Piscine ed efficienza energetica: disponibile il primo rapporto nazionale

di Cesare Negro

Il caro energia, i consumi idrici e l’adeguamento agli obiettivi richiesti dalla transizione energetica hanno una notevole incidenza anche sugli impianti acquatici. Da questi presupposti nasce la collaborazione tra FIRE, ForumPiscine e CONGEPI (Confederazione Nazionale Gestori Piscine), che ha portato alla realizzazione di una indagine e alla stesura del primo rapporto nazionale sul consumo energetico e idrico degli impianti natatori.

L’obiettivo centrale del lavoro è stato quello di fare il punto sulla situazione della gestione energetica delle strutture natatorie, individuare delle aree di criticità su cui avviare azioni istituzionali e definire proposte legislative, nonché reperire informazioni utili per stimolare sia i gestori che le amministrazioni locali ad attivare una gestione efficiente delle piscine.

Leggi tutto

Transizione 5.0: la formazione va messa al primo posto

di Jacopo Romiti

𝑻𝑹𝑨𝑵𝑺𝑰𝒁𝑰𝑶𝑵𝑬 5.0: l’aspetto più innovativo del nuovo piano riguarda la formazione del personale. I corsi dovranno essere erogati da soggetti esterni e non è prevista la formazione interna, come avveniva per il credito d’imposta formazione 4.0. Le imprese potranno maturare il credito d’imposta sui costi sostenuti per formare i loro dipendenti fino a un limite massimo di 300mila euro. Non solo. Transizione 5.0 rafforza decisamente l’iter di certificazione, assegnando un ruolo di controllo preminente al GSE e richiedendo ben cinque oneri documentali: due comunicazioni al GSE (ex-ante ed ex-post), due certificazioni peritali (ex-ante ed ex-post) e una relazione del revisore legale dei conti (a completamento dell’investimento). E poi? Transizione 5.0 spiegata da Jacopo Romiti.

Leggi tutto

HNH Hospitality: ecco come riduciamo i consumi in hotel!

Francesco La Pietra, energy manager di HNH Hospitality SpA

In media un esercizio alberghiero ha consumi energetici al metro quadro molto più elevati rispetto a quelli di un edificio residenziale, in parte perché si devono offrire più servizi (es. ristorante, bar, piscina, SPA, etc.), in parte perché la richiesta del servizio è diversa. Si riporta l’esperienza di HNH Hospitality, raccontata dall’energy manager Francesco La Pietra. Il modello di Energy Management implementato si basa su un utilizzo efficiente dell’energia, coerentemente con i fabbisogni e le necessità delle strutture coinvolte e degli ospiti.

Leggi tutto