Strumenti per l’efficienza energetica

di Livio De Chicchis

Durante il convegno “Dall’interruttore smart all’algoritmo: gestire l’energia con l’intelligenza artificiale” organizzato dall’Università di Parma, Livio De Chicchis, Energy policy analyst di FIRE, ha tracciato una panoramica dei principali strumenti utili per raggiungere alti livelli di efficienza energetica in aziende ed enti. Tra questi ricordiamo le figure professionali, in particolare gli energy manager e gli EGE, le tecnologie efficienti, il cambio di comportamento e quindi il (ri)pensamento di prodotti e servizi in ottica sostenibile.

Vai alla presentazione

Mitigare il caro energia grazie all’efficienza energetica

di Dario Di Santo

In occasione del Workshop DEESME organizzato ANIMA – FIRE (svoltosi lo scorso 24 giugno) l’ing. Di Santo ha sottolineato come oggi per restare competitivi sul mercato è necessarie considerare l’energia, e in generale le altre risorse, parte del core business. Queste leve devono, dunque, guidare lo sviluppo di prodotti e servizi, la revisione dei processi, l’innovazione delle filiere.

Vai alla presentazione

 

Politiche per l’efficienza energetica

di Dario Di Santo

La conferenza annuale FIRE Certificati bianchi: Titoli di efficienza energetica a portata di mano, svoltasi lo scorso 14 giugno, si è aperta con l’intervento di Dario Di Santo dedicato al ruolo dei TEE nelle politiche energetiche nazionali. Unindagine appena svolta da FIRE mostra unapertura da parte degli stakeholder verso lo schema, che quindi è ancora benvoluto. Di Santo ha evidenziato alcune strade da persegure per farlo funzionare al meglio, come quella del dialogo, in particolare con il GSE, che ha un ruolo determinante. Inoltre suggerisce per le aste, visti anche alcuni fallimenti all’estero, un confronto con gli stakeholder.

Vai alla presentazione

Vai agli atti della Conferenza

 

Revisione della UNI CEI 11339: confronto degli schemi di certificazione EGE

di Francesco Belcastro

La revisione della UNI CEI 11339 era ormai necessaria sia per ragioni legislative che legate allo sviluppo del mercato. La futura norma prevede autonomia e responsabilità per l’EGE e un potenziamento dei compiti e delle attività specifiche.

In questa presentazione, illustrata durante la Conferenza SECEM, Francesco Belcastro ha spiegato  le principali novità della nuova UNI CEI.

Vai alla presentazione

Vai agli atti della Conferenza SECEM

RePower: l’UE punta su nuove misure per affrontare la crisi energetica

di Valeria Caso

L’Unione Europea è sempre stata all’avanguardia nella lotta al cambiamento climatico, basti pensare che già nel 2008 fissò gli obiettivi 20/20/20 che ben conosciamo. Oggi purtroppo accanto al cambiamento climatico, l’Europa, si trova a dover fare i conti anche con le conseguenze negative derivanti dalla crisi con la Russia e la guerra in Ucraina. Per ridurre la dipendenza europea dai combustibili fossili russi, la Commissione europea ha presentato il pacchetto di misure RePowerEU. Di cosa si tratta? Ne parliamo in questo articolo che apre la newsletter FIRE di inizio maggio.

 

Risparmi post diagnosi energetica … ma quanto?

Enrico D’Aurelio, Energy Manager – Certificato PMVA – EGE SECEM

Dopo ogni audit energetico, lo step successivo nel percorso di efficientamento è quello di dare seguito al piano di investimenti proposto nel rapporto di diagnosi, cercando di implementare e realizzare le azioni di miglioramento indicate. Ci possono essere però delle difficoltà per il professionista che opera sul campo. Esiste ad esempio il pericolo che moltissimi interventi di efficienza energetica vengano effettuati male, o nel migliore dei casi, senza un corretto Piano di Misura e Verifica, che si perda contezza degli effettivi benefici degli interventi di energy saving, magari annegati nei rialzi dei prezzi dei vettori energetici o per una stagione climatica più o meno rigida. In quest’articolo, pubblicato nel Supplemento Diagnosi Energetiche di Gestione Energia, l’ing. D’Aurelio riporta alcune considerazioni sul tema.

Leggi l’articolo