Certificati bianchi: una situazione complicata

di Dario Di Santo

Il mercato dei titoli di efficienza energetica (TEE o certificati bianchi) è salito all’attenzione delle cronache di settore negli ultimi due anni, in particolare per l’impennata dei prezzi del mercato, più che triplicati a inizio 2018 rispetto al 2015. L’incremento dei prezzi ha avuto un impatto al momento ancora contenuto sulla bolletta, ma in prospettiva può divenire preoccupante in termini di oneri a carico del consumatore finale. Ne è derivato un dibattito sull’effettiva sostenibilità economica dello schema, e il MiSE è intervenuto con un decreto correttivo pubblicato a luglio 2018, alla cui efficacia sembrerebbe legato il futuro dello schema. È utile dunque analizzare gli elementi che hanno portato all’attuale fase critica di un meccanismo fino a un paio di anni fa ritenuto estremamente virtuoso.

L’approfondimento di Dario Di Santo pubblicata sul trimestrale ENEA “Analisi trimestrale del sistema energetico italiano”

Leggi l’articolo Certificati bianchi: una situazione complicata

 

Il Contratto di Energy Performance

di Dario Di Santo

I Contratti a Prestazioni Garantite prevedono di affidare a una società specializzata, in particolare ad una ESCO, la riqualificazione energetica e la successiva gestione energetica di un edificio, di un impianto o di un sito industriale. Quali sono i benefici degli EPC e come si sono evoluti negli anni?

Ne parla Dario Di Santo ai microfoni di Radio24 all’interno del programma “Smart City – Voci e luoghi” dell’innovazione condotto da Maurizio Melis.

Qui l’intervista:

Come cambia l’energy manager: dalle certezze alle incertezze sui dati

di Robero Gerbo – EGE SECEM

Uno dei primi energy manager, oggi EGE SECEM, racconta la sua esperienza nel settore bancario, evidenziando come sia cambiato il modo di lavorare dall’inizio degli anni 80 ai nostri giorni.

 

Il passato

All’inizio della mia carriera di energy manager (EM) in gruppo bancario (inizio anni ’80, tanti anni fa purtroppo per me) ricordo le difficoltà con cui mi facevo spedire dai colleghi fotocopie delle bollette elettriche di alcuni palazzi uffici/filiali significativi; le ricevevo almeno 3 mesi dopo il pagamento (era usuale il pagamento presso la  filale stessa come un comune cittadino!) e da esse catturavo i pochi dati energetici disponibili, in genere il complessivo dei consumi mensili, che andavano a popolare rudimentali tabelle di calcolo (in multiplan, non c’era ancora excel).

Leggi tutto

Certificazione ISO 50001, monitoraggio, indicatori

di Livio De Chicchis

Il numero di siti certificati ISO 50001 in Italia è in costante aumento nel corso degli anni. FIRE-CEI-CTI hanno realizzato sul tema un’indagine (follow-up di un primo studio realizzato nel 2016) che analizza quattro tematiche:
Tipologia di interventi
Misura e del monitoraggi
Indicatori di prestazione energetica

Energy team

L’ing. De Chicchis ha illustrato l’indagine in occasione del Convegno FIRE “I sistemi di gestione dell’energia: un trampolino per il futuro”

Scarica la presentazione

Inverter: cosa sono e perché fanno risparmiare energia

di Daniele Forni

L’inverter è una “scatola” che viene messa a monte dei motori elettrici e che permette di variare la frequenza con cui sono alimentati. Consente in alcuni casi di raggiungere risparmi energetici che superano il 50%.

Ne parla Daniele Forni ai microfoni di Radio24 all’interno del programma “Smart City – Voci e luoghi” dell’innovazione condotto da Maurizio Melis.

Qui l’intervista:

L’efficienza energetica nell’attuale contesto legislativo e normativo

di Francesco Belcastro

Gli obiettivi europei di miglioramento dell’efficienza energetica del 30% al 2030,  i fondi creati per chi intende investire in EE, le opportunità a disposizione sia per fornitori, ESCO, installatori, ecc. (lato offerta) che per grandi imprese energy intensive, PMI, ecc. (lato domanda).  Queste le tematiche affrontate dall’ing. Belcastro durante il convegno “Energy management nella P.A. – tra obblighi ed opportunità” organizzato dalla Regione Sicilia.

Scarica la presentazione

L’impatto del nuovo decreto energivori sugli investimenti in efficienza energetica

di Stefano D’Ambrosio e Dario Di Santo

Le nuove agevolazioni concesse alle imprese energivore possono incidere sui futuri investimenti in efficienza energetica, cogenerazione e fonti rinnovabili? Sono un supporto alla competitività delle imprese? A queste domande la FIRE ha cercato di rispondere attraverso un’indagine coinvolgendo sia le imprese manifatturiere, mediante il canale diretto con gli energy manager, sia i fornitori di servizi quali le ESCO e gli EGE. I soggetti che hanno risposto sono in totale 91, di cui 34 imprese manifatturiere e 57 EGE o ESCO. 

L’articolo ha aperto la newsletter del 15 giugno 2018

Leggi tutto