Efficienza energetica, l’importanza della formazione professionale

di Francesco Mori

La formazione e l’aggiornamento professionale sono due tasselli importanti e imprescindibili sia per i lavoratori autonomi che per le risorse interne di un’organizzazione. Se i primi investono su stessi per poter competere nel mondo lavorativo e quindi offrire servizi in linea con le aspettative del mercato, le aziende investono nel proprio personale affinché l’intera macchina aziendale sia efficiente: la formazione infatti consente la costruzione di un forte know-how interno.

Un articolo dell’ing.Mori  apre la newsletter FIRE numero 2 del 31 gennaio 2018

La formazione può spaziare da argomenti prettamente tecnici ad altri di carattere più trasversale e legati alle soft skill (public speaking, team building, ecc). In un settore come quello dell’efficienza energetica, cogliere i frequenti cambiamenti legislativi e le relative novità è estremamente importante: basti pensare, ad esempio, alla recente revisione del meccanismo dei certificati bianchi o all’ecobonus.

Trenitalia, nell’ottica di aggiornare le proprie risorse e formare alcuni neo-assunti, ha scelto di affidare a FIRE la preparazione di un corso specifico che rispettasse le proprie esigenze. Gli argomenti trattati hanno spaziato dagli incentivi per l’efficienza energetica, alle diagnosi energetiche ai mercati dell’energia.

Una realtà con le caratteristiche di Trenitalia (ha ottenuto di Titoli di Efficienza Energetica, è soggetto all’obbligo dell’art. 8 del D.Lgs. 102/14 per le diagnosi energetiche, consuma grandi quantitativi di energia) ha mostrato una grande attenzione alle proprie risorse ed ha puntato strategicamente su un’offerta formativa che fosse in grado di preparare al meglio il suo personale per le attività previste.

Gli incentivi sono uno dei principali temi oggetto dei corsi di formazione di FIRE. Le nuove linee guida dei TEE, infatti, hanno apportato alcuni rilevanti cambiamenti nel meccanismo, l’ecobonus di anno in anno introduce alcune novità e l’iper-ammortamento, attivato dal 2017, consente di percepire alcune interessanti agevolazioni. Infine il Conto Termico 2.0, seppur in vigore dal maggio 2016, in molti casi non è ancora conosciuto con sufficiente dettaglio.

Le diagnosi energetiche torneranno ad essere un argomento di rilevanza nel prossimo futuro: come evidenziato dalle linee guida dell’ENEA, in vista della seconda diagnosi la misura e il monitoraggio dei consumi rivestiranno un ruolo importante.

I mercati dell’energia, infine, sono un argomento tanto articolato quanto importante da comprendere, per contrattare al meglio i relativi prezzi e scegliere il miglior contratto per le proprie esigenze.

Una formazione strutturata, in sostanza, porta con sé principalmente tre benefici: colma eventuali lacune delle persone (siano esse lavoratori autonomi o dipendenti), consente di far acquisire nuove conoscenze e competenze, e infine può valorizzare talenti rimasti inespressi.

Taggato , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Efficienza energetica, l’importanza della formazione professionale

  1. Francesco Mori dice:

    Ha ragione, per rimanere competitivi bisogna sempre tenere il passo coi tempi e migliorare le proprie conoscenze!

  2. omar baroni dice:

    Formazione ed aggiornamento professionale sono alla base, o almeno dovrebbero, di ogni professionista che vuole ritenersi tale. Ben vengano corsi, purché siano il più possibile formativi e, ancora meglio, abilitanti.
    Di certo lo sforzo richiesto, per ogni singolo, è grande. Ma solo formandoci possiamo modernizzare il sistema paese e mettere a disposizione di tutti il sapere accumulato e sperimentato.